STUDIO TECNICO - Ingegnere Gian Piero DETTORI - Nuoro

Prestazioni Tecniche Professionali

Oops!

It looks like you don't have flash player 6 installed. Click here to go to Macromedia download page.

 

IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO

Richiedi le specifiche informazioni e le opportune consulenze in materia di riscaldamento invernale telefonando in studio o inviando una mail.

Valutazioni preliminari
La scelta della tipologia di impianto di riscaldamento da installare nella propria abitazione è in generale assai più complessa di quanto solitamente valutato dalle persone, sia in fase di costruzione di un nuovo immobile, che, soprattutto, durante i lavori di ristrutturazione edilizia. Considerata l’enorme disponibilità di offerte sul mercato regionale e nazionale è necessario pervenire ad una scelta equilibrata, razionale e soprattutto trasparente nei confronti dell’acquirente.
È sempre consigliabile eseguire preliminarmente un sopralluogo di verifica dell’abitazione esistente, per conoscere le caratteristiche dei componenti strutturali e murari, degli infissi esterni e degli impianti tecnologici, e in generale per avere sufficienti informazioni delle condizioni di benessere godute dalle persone residenti.

La maggiore attenzione va riservata alla ricerca dei parametri inerenti il comportamento dell’immobile durante le stagioni invernale ed estiva, al fine di poter eseguire un confronto sulle diverse tipologie di impianto di climatizzazione, realizzabile con costi contenuti (prevedendo il costo di acquisto, le spese per il combustibile e le spese di manutenzione annuale dell’impianto).
In questo modo si potrà attuare una scelta ponderata, ottimale in termini di efficienza energetica e assai conveniente sotto il profilo economico.

Non bisogna considerare in alcun modo le varie proposte di installazione delle varie tipologie di caldaie e apparecchiature, suggerite dagli idraulici o amici, esclusivamente sulla base di valutazioni personali, senza alcuna considerazione tecnica e di convenienza economica.

Sistemi di riscaldamento: costi  
Nel progetto del sistema di riscaldamento migliore bisogna considerare i costi di fornitura, installazione e funzionamento, la facilità d’uso e l'ingombro delle apparecchiature, le modalità di manutenzione periodica e l’onerosità del contratto di assistenza. La scelta del tipo di combustibile da utilizzare non è secondaria, a causa delle successive conseguenze in termini di approvvigionamento, variabilità dei costi, difficoltà di fornitura, requisiti ecologici.

Nei costi di investimento si tiene conto del prezzo di allaccio alla rete comunale del gas, di acquisto della caldaia e del serbatoio, della rete di distribuzione del calore e del trasporto del combustibile.
Per il costo del combustibile si tiene conto delle condizioni attuali del mercato, valutando con le dovute cautele anche le previsioni future.                                  
I costi di manutenzione includono le spese per la verifica periodica delle apparecchiature, per la pulizia della canna fumaria e per l’assistenza annuale.

Sistemi di riscaldamento a confronto: benefici e svantaggi.
Nella ricerca del tipo di impianto di riscaldamento più efficiente per la propria abitazione, sulla base di numerosi e specifici parametri tecnici ed economici, vanno tenute in considerazione sia le preferenze dell’utente che le scelte razionali operate dal progettista.
Un’ottima tipologia di impianto è data dal riscaldamento a pavimento, largamente utilizzato nei lavori di ristrutturazioni degli immobili, oltre che nelle nuove costruzioni.
Essendo la temperatura di esercizio del fluido termovettore assai contenuta (30°-35°), si perviene ad un ottimo risparmio annuale di combustibile e di conseguenza dei costi economici di gestione e di funzionamento generale.
A questo impianto si può facilmente connettere un impianto fotovoltaico, per ridurre ulteriormente il costo energetico annuo di gestione e il fabbisogno energetico esterno.

Gli impianti a gasolio e a gpl non sono da preferire a causa dell’alto costo annuale di fornitura del combustibile, richiedono spazi elevati per caldaia e serbatoio, determinando inoltre elevati rischi ambientali nella fase di trasporto e di combustione. Richiedono tuttavia un ridotto / medio costo iniziale di acquisto dell’impianto.  Installando una moderna caldaia a condensazione è possibile ottenere elevati risparmi economici, in virtù della maggiore resa termica dovuta al recupero del calore dai fumi di combustione.

Con un impianto a pellets si rileva un basso costo iniziale della caldaia e di fornitura del combustibile, con ridotte emissioni di combustione di anidride carbonica. Bisogna tuttavia mettere in conto il lavoro di pulizia della caldaia e gli inconvenienti di fornitura della materia prima.   

L’impianto di riscaldamento basato sul camino vale esclusivamente per singoli vani o ambienti, causa la ridotta resa termica, pur rappresentando una buona scelta economica ed ecologica, con un onere  non secondario di manutenzione e funzionamento annuale.

Scegliendo la variante del termocamino si riesce a sfruttare una maggiore quantità di energia termica, a parità di oneri manutentivi annuali.

Pompe di calore aria-acqua
Recentemente stanno avendo una grande diffusione le pompe di calore aria-acqua, grazie alle loro ottime caratteristiche tecniche e ai loro elevati rendimenti nella climatizzazione degli ambienti. Si ottiene una produzione di acqua calda sanitaria e per il riscaldamento e, quando previsto dal tipo di impianto, anche una produzione di acqua fredda, utilizzabile per il raffrescamento degli ambienti.
È importante valutare la corretta disponibilità di un sufficiente volume di fluido termovettore e l’installazione di elevate superfici di scambio termico. Una corretta progettazione della rete di distribuzione dell’acqua e delle unità esterne di climatizzazzione, risolve le numerose problematiche tecniche di funzionamento di questa tipologia di impianto.

Nell’impianto di distribuzione interna del fluido l’installazione dei normali radiatori permette il riscaldamento invernale, ma non il raffrescamento estivo, in quanto il sistema in esame richiede l’uso di grandi superfici di scambio termico (i pannelli radianti o i termosifoni con elevato contenuto d’acqua), oppure un sistema a ventilazione.
Qualora si abbiano delle temperature invernali molto basse è necessario valutare le prestazioni effettive delle pompe di calore aria-acqua, poiché la loro efficienza prestazionale diminuisce in misura notevole, e perciò si ha il rischio di non poter garantire il necessario benessere ambientale nei periodi invernali più rigidi.

Conclusioni
Si consiglia in definitiva di valutare attentamente il progetto dell’impianto di climatizzazione, esaminando nel dettaglio i tanti aspetti di funzionamento e installazione, senza fermarsi alla prima soluzione, magari quella suggerita dall’amico o idraulico di fiducia. Esiste sempre una soluzione d’impianto di riscaldamento conveniente, economica, che nelle fasi iniziali di preventivazione dei lavori talvolta non si considera, perché più costosa o semplicemente perché sconosciuta nella sua tipologia.